Statuto

Statuto

STATUTO

F.L.A.I. -Trasporti e Servizi

ASSOCIAZIONE SINDACALE DENOMINATA FEDERAZIONE LAVORATORI AZIENDE ITALIAN

DEI TRASPORTI E DEI SERVIZI

Art.1

L’Associazione Sindacale denominata F.L.A.I. Trasporti e Servizi,di seguito la F.L.A.I.(Federazione Lavoratori Aziende Italiane dei Trasporti e dei Servizi),  si ispira ai principi contenuti nella Costituzione Italiana e nelle Direttive Comunitarie a tutela dei lavoratori e del  lavoro.

Art.2

L’Associazione ispira la sua azione ai principi di libertà,di giustizia e solidarietà sociale.Essa intende tutelare gli interessi  dei lavoratori,sviluppare la loro professionalità,salvaguardare la loro dignita’,con le finalità di raggiungere un contesto armonico in cui l’efficienza e l’equità si alimentano vicendevolmente.L’associazione si ispira soprattutto al contenuto dell’ articolo 46 della Costituzione sulla partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese .Essa e’ libera ed autonoma dalle associazioni politiche.

Art.3

L’Adesione all’Associazione è libera e possono far parte tutti i lavoratori occupati e non ,lavoratori pensionati,  dei  diversi settori merceologici, privati  e pubblici.Per l’ammissione alla F.L.A.I. i singoli lavoratori sono tenuti al rilascio della delega per la rappresentanza e al versamento dei contributi sindacali,secondo le modalità e le misure stabilite dagli organi statutari competenti.Il lavoratore puo’rassegnare le dimissioni per iscritto  in qualunque momento dell’anno e le trattenute sindacali cessano con  effetto immediato.

Art. 4

L’Adesione alla F.L.A.I. e’ riconosciuta anche  agli iscritti all’associazione  A.L.D.E.P.I., formalizzata per il tramite degli sportelli diCaf e Patronato riconducibili alla F.L.A.I.

Art.5

Gli iscritti alla F.L.A.I. hanno diritto di partecipare all’elaborazione delle linee di politica sindacale,di eleggere i propri rappresentanti sui luoghi di lavoro e gli organi dell’Associazione nelle fasi congressuali.Ogni iscritto ha diritto di voto ed e’ eleggibile ai vari livelli di responsabilità dell’Associazione.

Art.6

Sono organi della F.L.A.I.

a)Il Congresso

b)Il Consiglio Generale

c)La Segreteria

d)Il Collegio dei Probiviri

Il Congresso e’ l’istanza massima dell’Associazione,si riunisce con effetto dal 19 ottobre 2017 ogni 4 anni salvo le convocazioni straordinarie.La convocazione straordinaria del congresso puo’essere richiesta:

a)      Dal Consiglio Generale

b)      Dal 50% degli associati,con la motivazione della richiesta di convocazione straordinaria.

Art.7

Il Congresso dibatte la relazione della Segreteria in relazione alle politiche sindacali e finanziarie dell’ Associazione.Il Congresso elegge i componenti del Consiglio Generale.

Art.8

Il Consiglio Generale e’ l’organo deliberante dell’Associazione fra un congresso e l’altro.Il Coniglio Generale elegge Il Segretario Generale e gli altri membri di Segreteria.

Art.9

La Segreteria è dimensionata numericamente in base alle esigenze funzionali dell’Associazione decide sul decentramento delle risorse su base regionale tenendo conto delle specificità dell’ azione sindacale di ogni singola regione italiana.

Art.10

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre componenti effettivi e due supplenti  eletti dal Congresso e non sono revocabili nell’arco del mandato congressuale.Ha il compito di raccogliere le informazioni su eventuali anomalie degli iscritti e di rappresentarle alla Segreteria che ha facoltà di assumere le sanzioni previste.Richiamoscritto,sospensione,espulsione a seconda della gravità commessa.Entro il termine di quindici giorni dalla sanzione e’ possibile far ricorso per iscritto contro le decisioni della Segreteria che convocherà entro il termine di venti giorni dal ricorso il Collegio dei Probiviri per un’analisi congiunta dei fatti che hanno determinato la sanzione.

Art.11

Ogni iscritto alla F.L.A.I. è tenuto ad osservare il presente Statuto e le delibere degli organi.

Art.12

La F.L.A.I. assume rilevanza nazionale  con strutture  tra esse collegate  di livello Regionale,Territoriale,RSA(rappresentanze sindacali aziendali) e RSU(rappresentanze sindacali unitarie).Obiettivo comune e’ quello  di sviluppare il proselitismo,curare il rapporto con gli iscritti assicurando loro l’informazione , l’assistenza sindacale,legale,tributaria,legale e di welfare, necessaria alle loro esigenze,rappresentando la F.L.A.I. nell’ ambito del negoziato sindacale con le  Aziende garantendo anche  i rapporti con enti terzi.

Art.13

Secondo Funzionalità, le strutture  Regionali sono individuate e nominate dal Consiglio Generale   ,le strutture Territoriali individuate  e nominate dai Segretari  Regionali ,le RSA individuate  e nominate dai Segretari Territoriali . Le nomine sarannoratificate e confermate dal Congresso .

Art.14

L’Associazione ha l’obbligo di redigere e di approvare annualmente un rendiconto economico /finanziario e ogni articolazione regionale  e’ tenuta a  rendicontazione annuale della gestione   delle risorse assegnate.

Art.15

Il Consiglio Generale stabilisce la misura dei contributi sindacali dovuti all’Associazione dagli iscritti e le relative modalità di versamento, Le operazioni finanziarie bancarie sono svolte dal Segretario Generale unitamente  ad  altro membro di Segreteria. I rendiconti elaborati devono essere approvati dal Consiglio Generale .

Art.16

E’ fatto divieto all’associazione di distribuire anche in modo indiretto,utili o avanzi di gestione nonché fondi,riserve o capitale durante la vita dell’Associazione,salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art.17

E’ fatto obbligo dell’associazione di devolvere il patrimonio dell’ente,in caso di suo scioglimento per qualunque causa,ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità,sentito l’organismo di controllo di cui all’articolo 3 ,comma 190 della Legge del 23 dicembre 1996,n.662,e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art.18

E’fatto divieto di trasmettere la quota od il contributo associativoad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e la stessa non puo’ essere rivalutata.

Art.19

Le modifiche statutarie vengono determinate dal Congresso con una maggioranza dei delegati del 50piu’ uno.